AFORISMI     POESIE     RACCONTI     FAVOLE     CANZONI       

 

          Quello che passa…


Scrivere per soldi

è mettere il commercio nell’arte

o l’arte nel commercio?


La verità

viene di notte

perché non ha paura del buio.


Se regali

avrai sorrisi da spendere

in Paradiso.


La politica non interessa

perché la gente non desidera discorsi

vuole sapere perché?


Non è sentirsi più degli altri

è non sentirsi meno.


Un consiglio

è una richiesta di riflessione

non l’imposizione di un autorità.


Si dona

per comprare il perdono

per il rimorso dell’avere

e a volte

per la gioia di chi riceve.


La vita

non ci regala mai quello che vogliamo

ma ciò che non ci saremmo mai aspettati.


Che l’opera mia

non sia lustro dei miei occhi

ma pace per chi ne ha bisogno.


Passo la vita

ha restituire

ciò che ogni giorno mi regala.


È difficile

parlare bene di una cosa

senza parlare male di un’altra.


Hanno scritto

scemo chi legge

ma non ce n’era bisogno


È più facile

morire per testardaggine

che per un ideale.


Gli uomini

sono una strada

silenziosa e buia.


La vita

è un libro già scritto

di cui non vogliamo leggere la fine.


Non è scrivere

ma essere letti.


Siamo i dinosauri di domani

e l’evoluzione travolgerà i nostri corpi.


Credevo mi avessero dato

fino a che non scoprii

che avevano solo preso.


La vita non la devo e non la voglio

ma la posso.


Posso dispensar saggezza

e non essere saggio io

nel mio agire.


La pace

è il silenzio

che ti romba dentro.


Uomini

date loro un pallone

e dimenticheranno il mondo.


Non è

quanto ci valutano gli altri

ma quanto sentiamo di valere per loro.


Non fece la cattiveria

quanto potè la stoltezza.


La saggezza

viene dall’esperienza

non dalla cultura.


L’ignoranza

è la stoltezza

ma il sapere

non è saggezza.


Dopo un fallimento

non c’è peggior cosa

che sentirsi dire

te l’avevo detto.


Il corpo

ci mantiene vivi

finché la mente

lo desidera.


Più il martello colpisce

più il chiodo si infila testardo.


La miglior vendetta

è saper attendere

che ci sia chiesto perdono.


Un consiglio

è una richiesta di riflessione

non l’imposizione di un autorità.


La frenesia

porta aridità di pensiero

la pace

porta dolci sogni e speranze.


Io sarò la vostra maledizione

ma chi sarà la mia.


Per quanto possiamo crescere

non saremo mai grandi.


Corriamo corriamo

fino a quando

non ci rendiamo conto

di quanto è inutile correre.


È solo

quando non abbiamo più gambe

che scopriamo

quanto è inutile correre.


Ognuno

munge felice la sua mucca

credendo di non esser munto.


Sarò io la mia maledizione

per il male che farò a voi.


Non esistono prati

dove non sono passati prima i cani.


Non c’è peggior ritardatario

di colui che non avreste voluto incontrare.


L’allegria

è una ridente fila di persone

che attendono di pagare.


Il rifiuto

è una carezza

che può diventare un pugno.


Credevo di avere dato

fino a che non ho capito

che avevo solo preteso.


Non sempre

quella che appare una buona notizia

ci lascia con il sorriso sulle labbra.


I consigli

si danno per far riflettere

non per comandare.


Un consiglio

non comincia mai con dovresti

ma con potresti.


Non c’è peggior adulatore

che noi stessi.


La malizia

è figlia dell’inferiorità.


Non c’è peggior denigratore

di chi si sente superiore.


Se non meritassi

quello di cui godo

non sentirei il piacere.


Non c’è peggior adulatore di se stesso

di quello che ci crede.


Non c’è peggior denigratore

della nostra incapacità.


Non saprei chi scegliere

fra chi denigra con malizia

e chi lo fa con superbia.


Chi non ha bisogni

non ha pretese.


È meglio

donare la vita

o donare una vita migliore.


Non è scrivere

ma saper leggere.


Piansi

per ogni schiaffo che ricevetti

non per il dolore

ma per la tristezza.


Chi donò di sé

preferì vivere insieme

che vivere meglio.


Amo

la mia vita

ma ciò non mi impedisce

di sognarne altre cento.


Il fatto

che non abbia niente da dire di te

non è un problema mio ma tuo.


È meraviglioso

scoprire di aver dimenticato

ciò che non ci interessava.


La colpa

è nel non voler comprendere.


I passi

si compiono uno alla volta

lasciamo che anche gli altri

lo possano fare.


La meraviglia della vita

è fare tutto

e fare tutto fino in fondo.


Certo che lotto per avere

anche se mi basta essere.


Il desiderio e la speranza

sono il nettare della vita.


Il dolore

va pianto

perché ciò che non esce fuori

rimane dentro di noi.


È triste

quando dimentichi le cose

a cui credevi di tenere.


I rimpianti

sono la consolazione

dei nostri ricordi.


La bellezza a volte

deve lasciare il posto alla praticità.


È quando ti senti più sicuro

che è arrivato il momento

di stare attento.


Non seguiamo i consigli degli altri

solo perché li riteniamo più stupidi di noi.


Si regala

a chi vogliamo far avere

un po’ di noi.


Non potrò mai essere

quello che tu volevi che io fossi.


La solitudine

è un prato fiorito

che non vogliamo condividere

con gli altri.


Chi perdonerà i nostri errori

se non lasciamo

che si presentino a noi

in tuta la loro orribile inutilità.


A volte

basterebbe un amico

per riuscire a conoscersi meglio.


La ragione

non ti dà il diritto

di usare la violenza.


Tutto il piacere

che non sospiri fuori

è desiderio non soddisfatto.


Non c’è bisogno di fare

più di quanto ti dia piacere.


Dove finisce il piacere

prende vita la rabbia

o la misericordia.


È con la pace nel cuore

che con gioia

si può resistere ad una tentazione

senza sentirla una rinuncia.


Fai oggi

quello che potresti benissimo

fare domani.


La noia

è nemica del desiderio.


Fai oggi

quello che avresti potuto fare ieri

ma non hai fatto.


Il pensiero

è un attimo

che l’attimo dopo

se n’è andato via.


Dietro ad ogni sorriso

si nasconde un cuore

o un ghigno.


Ogni segreto che sveli

è una piuma leggera

che ti fa volare il cuore.


È quello che c’è dentro

che fa sì che quello che c’è fuori

esista.


L’abitudine

è un cuscino comodo ma ingiallito

che si abbandona malvolentieri.


Ciò che ti sei guadagnato

lo perdi con dolore

ciò che hai rubato

lo perdi con rabbia.


Scegliere è un piacere

rinunciare una delizia.


Il bello dei sogni

è che a rincorrerli

prima o poi si lasciano acchiappare.


La melanconia

è un dolce ricordo

ed una serena speranza.


Gli eventi

sono il frutto di altri eventi

non hanno avuto inizio

e non avranno mai fine.


La scaramanzia

è un nemico peggiore della realtà.


La vita

è l’attimo

in cui si esala l’ultimo respiro.


Chiedi le risposte di cui hai bisogno

e se ti faranno male

saranno consigli da seguire.


La gioia

è la più dolce illusione della vita.


Ci sono mille modi

per raccontare la stessa storia

e alla fine

sono tutti uguali.


Quando vedete un uomo felice

o un derelitto in lacrime

abbiate pietà

non dite loro la verità.


È bello

perché sono

quello che avrei voluto essere.


Al ritorno

piangiamo per ciò che lasciamo

quanto per ciò che ritroviamo.


A volte perdersi è un sollievo

ma ritrovarsi è sempre la vita.


I miraggi

sono chimere che ci illudono di luce

e ci bruciano col fuoco.


La sentenza non è un rimprovero

ma un invito a riflettere

per noi

                              per la nostra stessa vita.

 

LE FANTASIE DI STEO