AFORISMI     POESIE     RACCONTI     FAVOLE     CANZONI

DISTANZE

ISTRUZIONI:

CON REALPLAYER - CLICCARE SUL TITOLO - SE APPARE UN AVVISO DI REAL PLAYER CLICCARE SU "NO"

CON MEDIAPLAYER - CLICCARE SUL TITOLO.

 

ATTENZIONE!!!

QUESTE SONO LE REGISTRAZIONI ORIGINALI EFFETTUATE DURANTE LA CREAZIONE DEI TESTI, NON C'E' MUSICA E CI SONO NUMEROSE INTERRUZIONI, SCUSATE L'ARTISTA SI ISPIRAVA.

AH GIA'!!! SCRIVO DA SEMPRE MA PER VOSTRA SFORTUNA NON CANTO... PERCHE' NON SO CANTARE!

 

SE VI VOLETE DIVERTIRE ASCOLTATE LE CANZONI

SE SIETE PROFONDI LEGGETE I TESTI

ALTRIMENTI PROVATE A FARE IL KARAOKE INSIEME A ME

E POTETE GUARDARE ANCHE I VIDEO!!!

 

LA PIU' IRONICA E' "E' PIU' IMPORTANTE", LA PIU' PARTICOLARE E' "ASSENZIO", LA PIU' PROFONDA E STRAPPALACRIME E' "LA MISSIONE", QUELLA INTERPRETATA IN MODO PIU' PARTICOLARE E' "DEMONE", POI CI SONO TANTI TIPI DI DISTANZE FRA NOI E GLI ALTRI E CON NOI STESSI E QUELLA DAL TEMA PIU' SCOTTANTE E' CERTAMENTE " LA GABBIA D'ORO" MA LA MIA PREFERITA E' "C'E'".

 

 

BUON DIVERTIMENTO!

 

 

IL CUORE BATTE DA SOLO

Dimmi dimmi dimmi dimmi
dimmi cos’è che ho sbagliato
dimmi dimmi dimmi dimmi
nel comportarmi con te
ti ho vista uscire dalle onde
guardavi verso di me
ti avevo appena notato e
mi sono innamorato
c’era il sole c’era il mare
c’era il sole il mare il vento
se guardavo nei tuoi occhi
si fermava pure il tempo.
E tu
dimmi dimmi dimmi dimmi
dimmi cos’è che ho sbagliato
dimmi dimmi dimmi dimmi
nel comportarmi con te
con la sabbia del deserto
io ti cullavo ogni sera
lo so faceva molto caldo ma
con te è sempre primavera.
La tua lingua dolce e amara
non la conoscevo
è stato un attimo impararla
e sentirla su di me
e la mia, la mia, la mia
non si staccava da te.
Quanti stronzi di chilometri
ci separavano allora
me li son fatti ad uno ad uno
per rivederti ancora.
Dimmi dimmi dimmi dimmi
dimmi cos’è che ho sbagliato
dimmi dimmi dimmi dimmi
nel comportarmi con te.
Non è la vita ma un naufragio
che mi ha portato da te
ho mille amori in ogni porto
ma non ricordo perché.
Son qui seduto ad aspettarti
per raccontarti com’è
mi fa piacere rivederti
ma il cuore batte da solo
eee….
dimmi dimmi dimmi dimmi
dimmi cos’è che ho sbagliato
ho riportato il cuore sulla terra e
mi sono innamorato!

 

LA MISSIONE

Domani parto e forse non ritornerò mai più
domani parto e dove vado conti solo tu
ti porterò con me
tu tienimi con te
domani parto e dove vado conta solo che
tu stai pensando a me
io sto pensando a te
che corri senza fiato con in mano un aquilone
io penso solo a te
tu stai pensando a me
e guardi l’orizzonte dietro il mare che
ci dividerà
unendoci
ci terrà lontani
mentre mano nella mano
quando scende il buio
ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
Ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
Domani vado dove tutto non conta un accidente
domani vado dove la guerra non è servita a niente
e lo farò per te
tu aspetterai per me
domani vado e dopo torno
te lo giuro sai perché
io penso sempre a te
tu cerchi solo me
per ridere sul prato della vita
e correremo insieme
tirando l’aquilone
e corsa dopo corsa arriveremo fino al mare che
ci dividerà
unendoci
ci terrà lontani
mentre mano nella mano
quando scende il buio
ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
Ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
Domani parto e resti ad aspettare il mio ritorno
tracciando segni su di un foglio giorno dopo giorno
e a chi lo chiederà tu gli risponderai
che non lo sai perché
ma che tuo padre è grande e forte
e certamente è il massimo che c’è, che c’è.
E ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
Ti addormenterai
ti addormenterò
cantando una canzone, una nenia
o un’altra storia che non c’è.
O c’è!

 

 

E' PIU' IMPORTANTE

GUARDA IL VIDEO

Non trovo mai il parcheggio per salire da te
non trovo mai il momento di chiamarti perché
ho sempre troppe cose, troppe cose, troppe cose
da fare.
Scusa ma adesso devo andare perché
mi sta squillando il cellulare e
devo rispondere, devo rispondere
devo rispondere perché
è più importante di te.
Tu vuoi andare a cena quando gioca l’Italia
vuoi fare il bagno al mare quando c’è la Ferrari
con Valentino poi, con Valentino poi
non mi ci fai stare mai.
eeee
Devo andare perché
è più importante di te.
Esci con le tue amiche quando ho un cazzo da fare
se siamo soli in casa non parlar di scopare
con la playstation poi, con la playstation poi, con la playstation poi
non posso giocare mai.
eeee
Devo andare perché
è più importante di te.
Tu vuoi che pensi solamente al lavoro
per poi comprarti qualche ninnolo d’oro
tu vuoi che pensi solo a lavorare
e metter via dei soldi per poterci sposare
tu vuoi la casa con le tende di organza
vuoi fare tutti quanti i corsi di danza
tu vuoi cambiare l’auto se poi arriva un bebè
vuoi fare tutto quanto quello che pare a te
ma un po’ di libertà, ma un po’ di libertà, ma un po’ di libertà
non me la vuoi dare mai.
eeee
Scusa ma adesso devo andare perché
mi sta squillando il cellulare e
devo rispondere, devo rispondere
devo rispondere perché
è più importante di te
questo è un amico mio che
vuol divertirsi con me
tu non lo vuoi fare mai.
È tardi amore adesso, devo andare.
Ci vediamo stasera!

 

DEMONE

Non ci sono regole per me
leggi che fanno paura
non esiste niente al mondo che
pieghi la mia volontà.
Non ci sono regole per me
prendo tutto ciò che voglio
la mia forza è la malignità
che è poi la tua debolezza.
Non ci sono regole per me
la mia forza è sovrumana
quello che mi gira intorno io
lo distruggo col pensiero.
Non ci sono regole per me
leggi che fanno paura
non esiste niente al mondo che
pieghi la mia volontà.
Non ci sono regole per me
chiedi tutto ciò che vuoi
se mi cedi la tua anima
ti regalo un’altra vita.
Non chiedermi però, non chiedermi però
non chiedermi però
l’amore
perché non posso darti, perché non posso darti
perché non posso darti
ciò che io non ho
ciò che è lontano da me
irraggiungibile.
Non ci sono regole per me
chiedimi la distruzione
se vuoi rabbia od odio te li do
non chiedermi però, non chiedermi però
non chiedermi però
l’amore
perché non posso darti, perché non posso darti
perché non posso darti
quello che non ho
che può distruggermi
piegare la mia volontà
così lontano da me
irraggiungibile.

 

VIVERE

Sono nato troppo tempo fa
e non ho chiesto io
non ho chiesto io di vivere
questa realtà
che sulla pelle mi sta
stanco
di ascoltare sempre inutili parole
che non hanno senso nel vocabolario
della mia intima unica sola verità.
Sono passati anni da quando credevo
da quando sapevo
da quando avevo una speranza
sono passati anni
ma niente è cambiato
ma tutto è cambiato
sono rimasto solo io con la speranza
vivere vivere vivere vivere vivere
lontano dai sogni
lontano dai segni
lontano dalla mia speranza
vivere vivere vivere vivere vivere
lontano da tutti
lontano da tanti
lontano dalla mia essenza
vedrai ormai
cambio faccia ogni momento
guardo come soffia il vento
questa vita bastarda
uccide me e la mia speranza
lo so lo sai
vivere vivere vivere vivere vivere
lontano da tutto
lontano da tanto
lontano da me
lo so lo sai
vivere vivere vivere vivere vivere
cercando nei segni
cercando nei sogni
cercando
una strada per tornare
una strada per trovare
una strada per capire
una strada per uscire
una strada per sentire
un attimo ancora prima di morire.

 

LA GABBIA D'ORO

Cos’è successo a questo mondo
un po’ di tempo fa
sembrava andasse tutto bene
invece eccoci qua
incatenati ai nostri debiti verso l’ipocrisia
invece di restare prendete e andate via
e non esistono più regole
non c’è una soluzione
rimane giusto il tempo per fare una canzone
e avete detto tutti quanti la vostra verità
ma solo io posso capire che vita è questa qua.
Chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
nulla è più vero
chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
che cosa spero.
Anche tu fermati un istante
e ascolta l’armonia
non servono carnefici
io voglio andare via.
Respirerò ancora
ma non quest’aria putrida
rinchiuso in una scatola
respirerò ancora
un’aria nuova estatica
che mi libererà.
Chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
nulla è più vero
chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
che cosa spero.
Anche tu fermati un istante
e ascolta l’armonia
non senti che mi chiama
lascia ch’io vada via.
Respirerò ancora
ma non quest’aria putrida
rinchiuso in una scatola
respirerò ancora
un’aria nuova estatica
che mi libererà.
Chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
nulla è più vero
chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
che cosa spero.
Ma se ci fossi tu al mio posto
fra i tubi qui in corsia
vorresti di sicuro
volare andare via
questa tortura ti deprime
ti toglie l’armonia
preferiresti di sicuro
morire in allegria.
Chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
nulla è più vero
chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
che cosa spero.
Respirerò ancora
ma non quest’aria putrida
rinchiuso in una scatola
respirerò ancora
un’aria nuova estatica
che mi libererà.
Chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
nulla è più vero
chiuso in una gabbia d’oro
in una gabbia d’oro
chiuso in una gabbia d’oro
che cosa spero.

 

LA STAGIONE

Sono così distante da te
e non ti raggiungerò mai
ascolto le poesie che mi racconti
e piango
sopra libri di cera liquida.
Strano come sembri facile cantare
senza fare rumore
con accanto il desiderio di morire
fra due note di cera liquida.
Credo abbia senso
ogni parola che dici
difendo ogni tua immagine riflessa
e nello specchio della mistificazione
vedo me
vedo me
Strano come sembri facile cantare
senza fare rumore
con accanto la paura di capire
tornerà un’altra volta settembre
tornerà la stagione
tornerà settembre.
Strano come sembri facile cantare
senza fare rumore
la musica ci prende e ci appassiona
ami tutto ciò che è tecnologico
e ascolti musica classica
difendi la tua isola felice
e d’incanto mi trovo a pensare
alla mia stagione.
Strano come sembri facile cantare
senza fare rumore
avere una gran voglia di tornare
nei deserti dell’est
fra dervisci tourner
sigarette turche e narghilè.
Strano come sembri facile tentare
di specchiarsi con te
per vedere quant’è
la distanza che c’è
per raggiungere te.
Strano come sembri facile sentire
il rumore che fa la mia sonorità
e la musica che
esce fuori da te.
Vivo nel mio vano tentativo
accorgendomi che
i desideri che ho in me
non invecchiano mai con l’età.
Tornerà settembre
tornerà la stagione
torneranno di nuovo parole da scrivere
fingendomi te.

 

ASSENZIO

Sperimentavo nuove posizioni
in equilibrio su tazzine da caffè
le mani in testa le gambe attorcigliate
una zolletta bianca sopra di me.
Mi aveva preso la cosa era intrigante
mi ritrovai in un attimo senza mutande
finestre aperte le porte chiuse
e una zolletta bianca dentro di me.
Condividevo consuete frustrazioni
non rispondendo certo ai mille perché
la gente è in festa la gente è preoccupata
ma la zolletta è ormai una fissa per me.
Non posso farne a meno non ricordo perché
ma cosa importa ancora se un motivo non c’è
mi mangio una zolletta e dopo corro da te.
Mi sento libero prestante e vivo
mi sento come un pazzo e per qualsiasi cosa rido
niente mi assilla niente mi turba
mi sento come un ultras nel bel mezzo della curva ma…
Mi confrontavo in sensi ed emozioni
con la zolletta chiusa dentro di me
e constatavo stupito e contrariato
di esser completamente alla sua mercé.
Non son più libero ormai non vivo
mi sento come un pazzo e per qualsiasi cosa rido
tutto mi assilla tutto mi turba
mi sento come un auto che cappotta su una curva.
Mi allontanavo da ogni situazione
rinchiuso al caldo dentro la mia zolletta
mi aveva ucciso, distrutto ed umiliato
prima adorata e ora sia maledetta.
Non son più libero ormai non vivo
mi sento come un pazzo e per qualsiasi cosa rido
tutto mi assilla tutto mi turba
mi sento come un auto che cappotta su una curva ma…
Sperimentavo nuove posizioni
in equilibrio su tazzine da caffè
le mani in testa le gambe attorcigliate
una zolletta bianca sopra di me.
Mi sento libero prestante e vivo
non son più libero ormai non vivo
mi sento come un pazzo e per qualsiasi cosa rido
niente mi assilla niente mi turba
mi sento come un ultras nel bel mezzo della curva
e… tutto mi assilla tutto mi turba
mi sento come un auto che cappotta su una curva
e… non son più libero ormai non vivo
mi sento come un pazzo e per qualsiasi cosa rido
tutto mi assilla tutto mi turba
mi sento come un auto che cappotta su una curva.

 

C'E'

C’è una risposta dentro di te
è la risposta ai miei perché
non posso fare a meno di te
non posso fare finta anche se
tu sei così distante da me.
Ho provato ha disegnare i tuoi occhi
dentro la luce che abbagliava i miei sogni
ed ecco che
non posso fare a meno di te
non posso fare finta anche se
tu sei così distante da me.
C’è una domanda per ogni tuo se
una risposta per ogni tuo ma
non posso fare a meno di te
non posso farne a meno anche se
tu sei così distante…
Forse leggo troppi libri
guardo troppo la tivù
nella vita ho troppi spazi
e li riempi solo tu
tu che sei così distante
lasci il vuoto intorno a me
non resta che pensarti
per riempirlo insieme a te.
C’è una risposta dentro di te
è la risposta ai miei perché
non posso fare a meno di te
non posso fare finta anche se
tu sei così distante da me.
Ho provato ad incontrarti per caso
nella vita che uccideva i miei sogni
ed ecco che
adesso l’attraverso con te
non posso fare finta perché
tu non sei più distante da me.
C’è una domanda per ogni mio se
una risposta per ogni mio ma
non posso fare a meno di te
non posso farne a meno perché
ormai tu fai già parte di me
ormai io faccio parte di te.

 

LIBERI

GUARDA IL VIDEO

Credevamo fossero soltanto
giorni spesi male
credevamo che il futuro forgiasse
solamente gente normale.
Guardavamo quelli più grandi di noi
come alieni dallo spazio
pensavamo che il futuro fosse
solamente un grande strazio.
Invece siamo liberi
liberi
liberi di essere ciò che eravamo
quello che sognavamo
in un tempo non lontano
quando credevamo di poter restare
dei ragazzi tutta la vita
quando credevamo stupidamente
che domani sarebbe finita.
Invece siamo liberi
liberi
liberi di essere quello che siamo
per l’ennesima volta
dall’asilo alla pensione
siamo un gruppo di persone
siamo superentità
siamo amici per sempre
per tutta la vita
anche quando ci dividerà.
Credevamo fossero soltanto
giorni da spuntare
sul diario della nostra vita
giorni per ricordare
credevamo che il futuro portasse
solo la malinconia
mentre invece sono giorni fantastici
amore che porta via.
Perché noi siamo liberi
liberi
liberi di fare tutto
tutto quello che vogliamo fare
perché accanto abbiamo sempre un amico
un amico su cui contare.
Perché noi siamo liberi
liberi
liberi di fare tutto
tutto quello che vogliamo fare
perché lo facciamo insieme a un amico
un amico con cui cantare.
Perché noi siamo liberi
liberi
liberi di fare tutto
tutto quello che vogliamo fare
perché accanto abbiamo sempre un amico
un amico su cui contare
un amico con cui cantare.
Perché noi siamo liberi
liberi
liberi di fare tutto
tutto quello che vogliamo fare
perché lo facciamo insieme a un amico
un amico con cui cantare.

 

NON CI LASCEREMO MAI

Se fossi veramente stanco di sognare
non mi addormenterei
se fossi veramente stanco di viaggiare
io non ripartirei
se fossi veramente stanco di vivere
allora non pregherei
se fossi veramente stanco di amare
scapperei lontano da te.
Se fossi veramente stanco di sognare
non mi addormenterei
se fossi veramente stanco di viaggiare
io non ripartirei
se fossi veramente stanco di vivere
allora non pregherei
se fossi veramente stanco di amare
io tornerei da te
io tornerei da te
io tornerei da te per dirti
salvami l’anima
salva la vita mia
salva tutto me
salvami per una volta ancora
come solo sai fare tu
difendimi dai pugnali volanti
dalle streghe e dai tabù
proteggimi dai cattivi pensieri
anche quelli pensati mai
ricordami i sospiri di ieri
dopo prendi e te ne vai.
Salvami l’anima
salva la vita mia
salva tutto me
salvami per una volta ancora
come solo sai fare tu.
Se fossi veramente stanco di sognare
non mi addormenterei
se fossi veramente stanco di viaggiare
io non ripartirei
se fossi veramente stanco di vivere
allora non pregherei
se fossi veramente stanco di amare
non canterei per te
non canterei perché
no, non avrei dentro tutto il tuo amore
la tua gioia e la libertà
sarei solamente una stanza vuota
condannata all’eternità
porte e finestre sarebbero chiuse
aspettando che torni tu
per dirti
salvami l’anima
salva la vita mia
salva tutto me
salvami una volta ancora
come solo sai fare tu
difendimi dai pugnali volanti
dalle streghe e dai tabù
proteggimi dai cattivi pensieri
anche quelli pensati mai
ricordami i sospiri di ieri
non ci lasceremo mai.

 

LE FANTASIE DI STEO